Caos cure domiciliari, Consiglio di Stato sospende sentenza TAR ▷ “Ora vogliono ribaltare tutto”

Colpo di scena nella vicenda legale del protocollo tachipirina e vigila attesa. Dopo che il Tar aveva bocciato la circolare del Ministero della Salute, ora è intervenuto il Consiglio di Stato a sospendere la decisione del Tribunale amministrativo regionale. Una retromarcia del massimo organo amministrativo italiano che rimette nuovamente in discussione la battaglia per terapie domiciliari.

Il cambio di rotta del Consiglio di Stato smentisce la decisione del Tar la quale aveva messo nero su bianco le criticità della circolare di Speranza: “Il contenuto della nota ministeriale, imponendo ai medici puntuali e vincolanti scelte terapeutiche, si pone in contrasto con l’attività professionale così come demandata al medico dalla scienza e deontologia professionale”. La decisione del Tar sottolineave infatti come la “vigilante attesa” di fatto mettesse in discussione la stessa capacità dei medici “di agire secondo scienza e coscienza, assumendosi la responsabilità circa l’esito della terapia prescritta”.

Ora il Consiglio di Stato cambia rotta mettendo in discussione le conclusione del TAR sottolineando che il documento del Ministero contiene “raccomandazioni e non prescrizioni“, indicando “comportamenti che secondo la vasta letteratura scientifica…