Calhanoglu cecchino, Bastoni e Skriniar insuperabili. Barella stanco- Corriere.it

di Guido De Carolis, inviato a Venezia

I nerazzurri faticano ma poi fanno valere carattere e qualit: decisivo Calhanoglu al terzo gol di fila. Dzeko poco preciso e Correa manca la chance

L’Inter vince a Venezia per 2-0, fatica ma alla fine trova tre punti importantissimi per la rincorsa scudetto. Decidono le reti di Calhanoglu e di Lautaro, l’argentino trasforma dal dischetto.

Inter

6 Handanovic Un bello schiaffo sulla botta di Aramu. Non rischia nulla

6,5 Skriniar All’area nessuno riesce ad avvicinarsi.

6,5 Baston

i Ministro della difesa, l al centro governa senza scossoni.

6,5 Dimarco Garantisce una spinta continua, va al tiro, non rischia nulla dietro.

6 Darmian Mai fa mancare il suo supporto. Meno pericoloso del solito, un problema muscolare lo toglie di mezzo.

6 Barella Stanco, si vede. L’avvio confuso e senza esplosivit, riprende fiato nella ripresa.

6 Brozovic Il Venezia un labirinto, lui tenta di trovare la strada e di aprire qualche varco.

7 Calhanoglu Un cecchino, carica il colpo e abbatte l’avversario. Il terzo gol consecutivo un proiettile che perfora un muro di gambe. Continuo per tutto il match.

6,5 Perisic Il croato ne mette finch ne ha. Non trova praterie, ma si guadagna il suo aiutando a sgretolare il muro.