Btp a 20 anni, perch rende il doppio: come investire nel nuovo titolo di Stato

Anno nuovo, rendimenti raddoppiati

Il nuovo Btp a vent’anni, collocato qualche giorno fa dal Tesoro italiano, apre una riflessione su come si sia evoluto, in un solo anno, non solo e non tanto l’umore di chi investe nel mercato obbligazionario, ma soprattutto l’approccio all’offerta di emissioni governative da parte degli investitori interni ed internazionali. Rendimenti pi alti, quasi raddoppiati. Domanda dimezzata perch il panorama incerto. Ed ecco i numeri. Dodici mesi fa, 5 gennaio 2022: il Dipartimento del Tesoro italiano colloca il BTP 2,15% con scadenza 1 settembre 2052. La domanda complessiva da parte del mercato stata di 55,897 miliardi di euro. Vengono accolte domande complessive per 7 miliardi di euro al prezzo di 99,987, per un rendimento lordo a scadenza del 2,162%. E veniamo ad oggi: 10 gennaio 2023: il Tesoro italiano offre al mercato il Btp 4,45% con scadenza 1 settembre 2043. La domanda complessiva si attesta, in questa occasione, a 26,708 miliardi. Anche questa volta si accolgono domande per 7 miliardi di euro al prezzo di 99,606, per un rendimento lordo a scadenza del 4,529%. Potrebbe apparire un paradosso, perch, a fronte di un rendimento pi che doppio offerto quest’anno, se lo si confronta con quello assegnato circa un anno fa per…