Biden «boicotta» i Giochi cinesi E chiama Draghi sull’Ucraina- Corriere.it

di Giuseppe Sarcina, corrispondente da Washington

Appello del presidente americano e degli alleati europei: ora Putin si deve fermare

La Casa Bianca annuncia il «boicottaggio politico» delle Olimpiadi invernali di Pechino, in programma dal 4 al 20 febbraio, e delle Paralimpiadi (4-13 marzo). Gli atleti americani, però, parteciperanno regolarmente a tutte le gare. Nella capitale cinese, invece, non ci sarà «alcuna delegazione diplomatica o ufficiale» a stelle e strisce, ha precisato Jen Psaki, portavoce di Joe Biden, aggiungendo: «Non possiamo fare finta di niente di fronte ai macroscopici abusi dei diritti umani e alle atrocità commesse dal Partito comunista cinese nello Xinjiang (persecuzione della minoranza musulmana degli Uigur
i, ndr)».

Zhao Lijian, portavoce del ministero degli Esteri cinesi, ha parlato di «ingiustificata provocazione», fino a irridere «i politici americani»: «Nessuno li aveva invitati, il cosiddetto boicottaggio è solo un atto velleitario, da esibizionisti». Segue una generica minaccia: «La Cina prenderà ferme contromisure». Così a tre settimane esatte dal
vertice online tra Biden e Xi Jinping
, impostato con toni distensivi, il pendolo dei rapporti tra Usa e Cina torna nella zona di massima allerta. Nelle ultime settimane,…