Bettini, Augello e la politica: una passione agli antipodi. L’incontro a Roma

Insieme a Storace e Quagliarello, l’ideologo dem interviene alla presentazione del libro dell’ex senatore di An dedicato al fratello Tony. Prevale la stima reciproca e una certa nostalgia per i tempi andati. Piovono critiche per i tecnici, ma non si risparmiano neppure ai sovranisti

Quando Goffredo Bettini finisce il suo lungo intervento citando uno dei canti pisani di Ezra Pound. “Fare è onorare la vita, fare è assumersi la responsabilità di esistere, fare è corrispondere all’energia interiore che ti apre agli altri e al mondo”, il giornalista che modera l’incontro, Luca Telese, non può evitare di dirlo: “Nel libro di Augello si parla di offensiva gramasciana, Bettini cita Pound, qui rischiamo di cadere nello stereotipo del ‘carissimo nemico’”. Siamo a Roma, II municipio, piano -1 dell’hotel Albani nel quartiere Italia. Si presenta il nuovo libro di Andrea Augello “C’era una volta mio fratello”, la storia di due fratelli, Andrea e Tony appunto, ma anche della passione comune di una vita intera: la politica. 

 

Platea e palco dicono già molto. Ad ascoltare ci sono il capogruppo alla Camera di Fratelli d’Italia Francesco Lollobrigida, la consigliera regionale di Fd’I Chiara Colosimo e il consigliere capitolino…