Berlusconi è una sfinge e tiene in ostaggio Salvini (che inizia a perdere la pazienza)

“Va avanti, fino a quando non ci ripensa”. Ma ci ripensa? “Al momento dice di essere il candidato più forte in campo”. Chi parla con Silvio Berlusconi in queste ore fa i conti con gli elementi “irrazionali e imprevedibili del Cavaliere”. Un mix ben assortito di sfida alla realtà e superomismo. Il pallottoliere è bloccato intorno a 480 voti (salvo scherzi degli alleati, sempre più nervosi) secondo gli ultimi calcoli. I ministri azzurri – Brunetta, Carfagna, Gelmini – nelle ultime ore gli hanno mandato a dire che “non ci sono i numeri”.

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui dispositivi che preferisci, approfondimenti quotidiani dall’Italia e dal Mondo

Il foglio web a € 8,00 per un mese Scopri tutte le soluzioni
OPPURE