«Berlusconi divisivo? È stato un leader forte. Ora lasciategli mostrare che è pronto a unire»- Corriere.it

di Francesca Basso, corrispondente da Bruxelles

Il capogruppo del Ppe al Parlamento Ue Manfred Weber: «Lo sostengo, ha dimostrato di avere la conoscenza per ricoprire l’incarico, l’esperienza, il network, conosce i partner Ue e può parlare loro direttamente, ha mostrato di poter uscire dall’agone politico»

DALLA NOSTRA CORRISPONDENTE
BRUXELLES – «Berlusconi dovrebbe avere la possibilità di dimostrare che è pronto a unire». Manfred Weber, capogruppo del Ppe al Parlamento Ue risponde alle domande del Corriere su Zoom. È a Roma per l’ultimo saluto a David Sassoli. E due giorni fa al suo arrivo a Roma ha incontrato il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, che in Europa fa parte della famiglia popolare.

Per il Ppe è Berlusconi la persona giusta al Quirinale?

«Prima di rispondere voglio fare una premessa sulla situazione politica che l’Europa sta vivendo. Siamo ancora in mezzo alla pandemia, le persone stanno ancora morendo per il Covid. Non sappiamo quale sarà l’impatto economico di lungo termine della pandemia. E poi ci sono le sfide esterne: l’Ucraina minacciata dalla Russia, la sicurezza europea a rischio, l’impegno a evitare una guerra sul territorio europeo. E le sfide di lungo termine come le transizioni ambientale e digitale. Gli…