Banca Ifis, anche con la crisi al fianco di famiglie e pmi- Corriere.it


Frederik Geertman, ceo di Banca Ifis

Mario Draghi gioved scorso ha visto nuvole all’orizzonte dovute alla crisi energetica, all’aumento del prezzo del gas e al rallentamento del resto del mondo. Se l’Italia ha superato la prima met dell’anno meglio di altri partner europei, una preoccupazione per il futuro condivisibile. Ne abbiamo parlato con Frederik Geertman, amministratore delegato di Banca Ifis, una banca di nicchia, senza sportelli, che si occupa di credito alle pmi (leasing, factoring) e di Npl di piccolo taglio. I clienti sono famiglie e pmi, i due settori pi a rischio nell’immediato futuro.

Dottor Geertman, avete chiuso il primo semestre 2022 con un utile netto in crescita del 50 per cento a 72 milioni di euro. Ma se prova a cambiare lato del tavolo, non potr negare che per una ampia fascia di aziende, anche vostre clienti, i prossimi mesi appaiono a rischio.
S. Prescindo ora dal considerare gli effetti di un eventuale razionamento del gas in Europa. Oggi noi possiamo osservare una crescita economica relativamente buona in Italia, ma nella seconda met dell’anno la disarticolazione delle filiere produttive, la difficolt nel settore delle materie prime e l’inflazione genereranno presumibilmente una minor crescita. Quindi, una banca che fa…