Azovstal, la resa dei mille evacuati. «Ma i comandanti sono ancora dentro»- Corriere.it

di Marta Serafini

I video russi mostrano i militari del Battaglione: «Stiamo bene, ci curano e mangiamo». Da parte russa l’annuncio che saranno interrogati: «Per giudicarli un tribunale internazionale»

DALLA NOSTRA INVIATA


ZAPORIZHZHIA —
Altri 694 fuori. E sono mille, secondo Mosca, i militari evacuati fin qui dall’Azovstal. Un numero che coincide con quello dichiarato nei giorni scorsi dai militari di Kiev che parlavano di un migliaio di militari asserragliati dentro l’acciaieria. Ma che non trova, per il momento, nessuna conferma ufficiale sul lato ucraino
.

I video russi

Ieri, ancora una volta, sono stati i video russi a mostrare gli «irriducibili» in uscita dall’impianto di Mariupol. In un primo filmato si sente un uomo sostenere di avere accesso a cibo e medicine, mentre un altro dichiara di essere stato medicato. In un secondo video, un militare con una ferita alla testa spiega di essere ben nutrito e accudito e di non essere sottoposto ad alcuna pressione fisica o psicologica. Difficile dire se siano parole dette liberamente.

Così come è ancora tutto da capire quale sarà il destino dei militari dell’Azov che per ora sono o saranno trasportati in territorio controllato dai russi.


Ma ancora prima resta un ultimo grande interrogativo…