Avv. Marzetti: “Più attenzione a minori, media rispettino legge su riservatezza indagini”

Più rispetto per i minori, e per i rischi connessi alla loro esposizione incontrollata a notizie di stampa che riguardano il coinvolgimento in indagini di genitori o altri adulti della famiglia, senza alcun rispetto della legislazione esistente in materia di riservatezza e presunzione di innocenza. A lanciare l’allarme è l’avvocato Jacopo Marzetti, presidente del Comitato di applicazione del Codice di autoregolamentazione media e minori che, nei giorni in cui si discute di riforma della giustizia, intervistato dall’Adnkronos invita a focalizzare l’attenzione “sui danni provocati ai minori dal mancato rispetto delle leggi, chiarissime, sul rapporto tra diritto di cronaca e indagini in corso, un aspetto che non è da meno rispetto a quelli oggetto delle riforme. La normativa c’è ci sono gli strumenti che non vengono utilizzati, e si rovinano famiglie”, denuncia.

“Chi ne risponde? Chi risponde di notizie diffuse senza alcuna attenzione? E se c’è la segretezza delle indagini come può passare questo principio? Come è possibile che un tema così importante non lo tocchi nessuno? – si chiede l’avvocato Marzetti – Ci sono bambini traumatizzati, che non vanno più a scuola, dopo avere visto i genitori sbattuti sui giornali come orchi e poi…