Atp Finals, Nadal è fuori, l’erede Alcaraz incoronato re della classifica a 19 anni (è record)- Corriere.it

di Gaia Piccardi

I risultati di Torino blindano il ranking del talento di Murcia, che diventa il numero uno più giovane della storia a fine anno. Anche gli Immortali si inchinano. Djokovic, già in semifinale: «Traguardo meritato»

Il re è giovanissimo: da predestinato, a 19 anni e 214 giorni (battuto Hewitt n.1 nel 2001 a 20 anni e 275 giorni) Carlos Alcaraz blinda la vetta della classifica del ranking di fine anno in contumacia. Lui a riposo («Sto recuperando bene dall’infortunio agli addominali, per l’inizio della stagione in Australia sarò al 100%»), gli altri alle Finals a fare a botte. È la combinazione dei risultati di Rafa Nadal e Stefanos Tsitsipas a Torino ad aver consegnato al vincitore dell’Open Usa e di due Master 1000 (Miami e Madrid) il premio di numero uno 2022, che ieri sera lo spagnolo ha sollevato sul campo del Pala Alpitour, promettendo altre battaglie: «Ho tagliato prima di quanto pensassi questo importante traguardo, ma non mi accontento. L’obiettivo è conquistare altri Slam e mantenermi lassù. La costanza di rendimento sarà la chiave del prossimo anno».

Comunque vadano a finire le Atp Finals, e nonostante tre quarti di Slam siano finiti in mano agli Immortali (Nadal a Melbourne e Parigi per la 14esima volta, Djokovic a…