AstraZeneca, seconda dose e giovani: cosa fanno le regioni

Sul vaccino anti Covid di AstraZeneca, la seconda dose e la somministrazione ai giovani, le regioni in queste ore si stanno muovendo in ordine sparso. In attesa di eventuali indicazioni del Cts sull’uso del vaccino per gli under 60, in considerazione del rischio di eventi avversi come le trombosi, alcuni governatori hanno deciso di fissare sin da ora nuovi paletti.


SICILIA

La Sicilia ha sospeso in via cautelativa il ricorso al vaccino AstraZeneca per gli under 60 anni. Il provvedimento è stato adottato con una circolare del dirigente generale del Dipartimento regionale per le attività sanitarie e osservatorio epidemiologico ad interim della Regione Siciliana Mario La Rocca. “E’ una decisione presa in via cautelativa, così come fatto da altre Regioni – spiega La Rocca all’Adnkronos – in attesa che il Cts decida al riguardo”.

VALLE D’AOSTA

In attesa delle ulteriori indicazioni e disposizioni relative all’utilizzo di AstraZeneca e Johnson&Johnson da parte del Comitato Tecnico Scientifico dell’Istituto Superiore della Sanità l’Azienda Usl della Valle d’Aosta ne ha sospeso la somministrazione nei soggetti under 60. Lo annuncia la stessa azienda in una nota nota precisando che l’open day di oggi è stato confermato ma il vaccino…