Assia Fiorillo, il debutto pop che dà voce alle storie delle detenute

Mezzogiorno, 14 gennaio 2022 – 15:16

«Assia» è il disco di debutto da solista della cantautrice napoletana

di Giuliano Delli Paoli

«Io sono te, nel mio quartiere complicato. Io che ho ceduto all’assenza dello stato, non l’ho cercato più ma è lui che mi ha trovato». Le parole di «Io sono te», il brano di apertura di «Assia», debutto solista appena uscito della cantautrice napoletana Assia Fiorillo, identificano fin da subito l’impegno sociale alla base di un progetto più ampio. Buona parte delle dieci canzoni di «Assia» nascono infatti dalle esperienze raccolte nel documentario «Caine», diretto dalla cantautrice con la giornalista Amalia De Simone. Storie complicate di detenute chiuse nei penitenziari femminili di Fuorni-Salerno e Pozzuoli. «Io sono te, così come buona parte di Assia, è il frutto di contributi ottenuti dal laboratorio condiviso con le detenute. Ed è l’incipit del disco perché esprime anche il mio punto di vista sulle singole vicende».


Collaborazioni vip

«Assia» contiene dieci canzoni pop impegnate, arrangiate da Massimo D’Ambra, producer che vanta collaborazioni con Enzo Avitabile, Eugenio Bennato Guè Pequeno, Sfera Ebbasta. Un album dunque dalla duplice identità, in cui la leggerezza delle…