Google Stadia, funzioni per utenti e sviluppatori
Google Stadia, funzioni per utenti e sviluppatori
Magie del Cloud

Google Stadia, funzioni per utenti e sviluppatori

Il vero potenziale della nuova piattaforma per videogiochi si nasconde dietro ai servizi offerti da Google



Vi abbiamo già presentato Google Stadia, la piattaforma che promette di cambiare ancora una volta il mondo dei videogiochi in favore di utenti e sviluppatori software.

Stando a quanto mostrato da Google durante la GDC 2019, questo accadrà principalmente grazie ai servizi e alla tecnologia messa in campo dal colosso Statunitense, pronto a dare battaglia a suon di servizi e funzionalità esclusive, almeno per il momento.

Stadia supporterà le tecnologie più moderne e conosciute come Unreal Engine, Unity e Havoc, strumenti utili agli sviluppatori di videogiochi che vorranno dar vita ai propri progetti direttamente in cloud e con risultati a dir poco incredibili.

Fra le features più innovative di Stadia accessibili agli sviluppatori è possibile sicuramente citare Style Transfer, strumento utile a semplificare il lavoro di applicazione filtri grafici attraverso un'immagine, sopra un mondo poligonale.

Alcuni sviluppatori software hanno già avuto modo di mettere mano sulla tecnologia proposta da Stadia, come ad esempio iD Software ed il lavoro svolto su Doom Eternal che sarà giocabile ad una risoluzione nativa 4K e 60 fps.
Il Cloud ovviamente verrà incontro alle esigenze dei giocatori anche per le sessioni multigiocatore online, dove il cross-play con altre piattaforme ed una maggiore stabilità dell'esperienza, a fronte di un numero sempre maggiore di partecipanti, la faranno da padrone.

Gli utenti potranno invece trovare funzionalità inedite come lo State Share, capace di condividere un istante di gioco con altri giocatori e vedere come se la cavano nella medesima situazione. Forse, la feature più interessante di quelle discusse da Google.

Crowd Play è invece pensato per i content creator di Youtube, i quali potranno invitare i propri seguaci a giocare online durante lo streaming video delle proprie sessioni di gioco, accontentando sia i fans che gli spettatori.

Fra l'altro, le prestazioni del Cloud permetteranno di eseguire streaming 4K a 60 fotogrammi per secondo, senza comprometterne la fluidità e la qualità di gioco.

Le sorprese probabilmente non sono finite e in attesa di conoscere nuove informazioni, ricordiamo che Google Stadia sarà disponibile entro il 2019 negli Stati Uniti, in Canada, nel Regno Unito e in parte dell’Europa.

 


Approfondimenti

  • Stadia, Google cambia il modo di videogiocare
    Una nuova piattaforma virtuale pensata per i videogiocatori, ma non solo
    Videogiochi: i team a lavoro su Google Stadia
    Scopriamo i primi particolari sulla proposta software della nuova piattaforma per videogiochi di Google

  • Commenti

    blog comments powered by Disqus