Ania, nel 2021 raccolta premi per 140 miliardi «Chiediamo regole chiare e stabili nel tempo»- Corriere.it

Un settore che gode di buona salute e che punta a svolgere un ruolo centrale nel rilancio del Paese. È questo il profilo dell’industria assicurativa italiana che emerge dall’Assemblea Ania 2022, l’annuale appuntamento dell’Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici. Secondo dati di consuntivo nel 2021 i premi complessivi vita e danni hanno raggiunto i 140 miliardi di euro, in aumento del 3,8% rispetto al 2022, tornando così ai livelli pre-pandemia. Nel dettaglio la raccolta premi del ramo vita è cresciuta a 106 miliardi di euro (+4,5%) e nel ramo danni a 34,1 miliardi (+2%). I premi del segmento Rc auto sono diminuiti mediamente del 4,5% a fronte di una crescita del 6% negli altri rami danni. L’indice di solvibilità, indicatore della solvibilità del settore, è aumentato rispetto al 2020, risultando pari a 2,5 volte rispetto al minimo richiesto dalle norme. Questi alcuni dei dati-chiave presentati dalla presidente dell’Ania Maria Bianca Farina secondo cui «Si conferma una domanda di protezione in crescita ma insufficiente per superare la situazione di sottoassicurazione che connota il nostro Paese»..

Le assicurazioni, grandi investitori

«Nel 2021 gli investimenti complessivi delle assicurazioni hanno sfiorano i 1.050 miliardi di euro», ha…