Andrea Soldi, malato schizofrenia morto durante Tso/ Iene “Lo hanno fatto soffocare”

La storia di Andrea Soldi, quarantacinquenne morto in provincia di Torino durante un Tso, è stata raccontata nel corso della seconda puntata de Le Iene, oltre ad essere al centro di un libro dal titolo «Noi due siamo uno», scritto dal giornalista Matteo Spicuglia, che è uscito ad aprile. In entrambi i casi la vicenda è stata narrata, tramite le testimonianze della famiglia, “affinché non si ripeta mai più”.

Andrea Soldi soffriva di schizofrenia da tempo. I suoi problemi psichici erano iniziati nel 1990, mentre stava svolgendo il servizio di leva militare, con alcune gravi allucinazioni. In particolare, spesso, ai suoi occhi, i familiari si trasformavano in animali feroci. La sua vita, all’età di vent’anni, era stata totalmente stravolta. Nel suo diario e nelle lettere inviate ai suoi cari raccontava il calvario che stava affrontando, rivolgendo loro tuttavia parole d’affetto. La malattia, però, si era sempre più aggravata, al punto tale che in un certo momento è per lui divenuto impossibile anche scrivere. I genitori, ormai incapaci di gestirlo, sono stati costretti a rivolgersi più volte alle autorità sanitarie. È il 5 agosto 2015 quando il padre…