«Amo la velocità, cerco solo le onde più grandi»- Corriere.it

di Carlos Passerini

Neozelandese, ha iniziato con la tavola a 50 anni. E non ha alcuna intenzione di smettere. «Il mio segreto? Niente zucchero»

Ha imparato a surfare a 50 anni. E non alcuna intenzione di smettere. Nemmeno ora che ne ha 92. È l’incredibile storia di Nancy Maherne, una signora della Nuova Zelanda – più precisamente di Scarborough Beach, non lontano da Christchurch – che ogni santa mattina prende la sua tavola e va a sfidare le onde. «Finché riuscirò a mettermi in piedi sulla tavola , andrò avanti». Una storia alla «Giorni selvaggi», imperdibile libro valso a William Finnegan il Premio Pulitzer nel 2016.

A raccontare la sua storia è stato il Guardian. «Cosa dicono i giovani che mi incrociano sulla spiaggia? Mi rispettano» spiega la signora Nancy, che racconta così la sua passione: «Mi piace quando si acquista velocità. Ci si muove così velocemente, è bello… Le onde piccole le lascio perdere, durano troppo poco. Aspetto quelle grosse. Mi piace la vicinanza con l’acqua, sentire che mi porta in alto, veloce». Velocità, adrenalina, ricerca costante del limite: questo è il suo segreto, a 92 anni come a 20.

È stata infatti una vita avventurosa, la sua. Nata a Wellington nel 1929, e dice di aver vissuto una vita piena, «senza…