Alessia Pifferi sorvegliata a vista in carcere, oggi autopsia su Diana

Alessia Pifferi, la mamma accusata di aver abbandonato la figlia di 18 mesi in casa e di averne provocato la morte è sorvegliata a vista in carcere. Dal momento del ritrovamento, nei giorni scorsi, sono emersi nuovi terribili dettagli tra cui il fatto che la donna avrebbe sedato la piccola Diana. Durante i sopralluoghi nell’abitazione gli investigatori hanno sequestrato una boccetta mezza vuota di En, un potente tranquillante, trovata nell’abitazione e il sospetto è che la madre potrebbe averlo fatto assumere alla bambina sia quando l’ha abbandonata la settimana scorsa che in altre occasioni.

A giorni dalla tragedia fuori dalla casa ci sono palloncini, lumini e pupazzi portati dagli abitanti di Ponte Lambro, dove la bambina abitava insieme alla mamma ed è morta di stenti, chiusa in casa, con le finestre sigillate in modo da non far sentire a nessuno il suo pianto. “Una donna capace di tutto”, l’aveva descritta il Pm nella richiesta al Gip. Parole che trovano conferma anche nel racconto dei vicini.

Alessia Pifferi sorvegliata a vista in carcere, oggi autopsia su Diana

A riportare alcune voci è il quotidiano romano Il Messaggero: “Non era una mamma buona, non giocava mai con lei, non la portava a passeggio. La teneva sempre nel passeggino”, commenta una vicina…