Afghanistan: Draghi al G20 straordinario invoca un impegno comune

Impegno comune e corridoi umanitari, questi i temi principali del g20 straordinario sull’Afghanistan presieduto dal Governo italiano

Sull’Afghanistan il premier Mario Draghi ha aperto a Palazzo Chigi un collegamento video per il G20 straordinario con i rappresentanti dei 19 Paesi oltre alla Commissione Ue che fanno parte del formato guidato quest’anno dall’Italia. Dall’altra parte del video c’è il presidente americano, Joe Biden ma non i due dei protagonisti fondamentali della crisi afghana per il ruolo che esercitano negli equilibri della regione. Non si collegheranno infatti né il presidente russo Vladimir Putin così come il presidente cinese Xi Jinping. La Russia, a quanto si è appreso ieri, dovrebbe essere rappresentata da un vice ministro degli Esteri. Sarà invece il ministro degli Esteri Wang Yi e non il presidente Xi Jinping a rappresentare la Cina. L’assenza di Putin e Xi già da sola segnala la scarsa attenzione all’iniziativa della presidenza italiana del G20. Mosca e Pechino vogliono confinare l’esperienza italiana alle sole questioni economiche.

Una discussione informale

La discussione molto informale riguarda i temi al centro dell’attenzione nella comunità internazionale. La questione dei profughi e il rispetto dei diritti…