A San Paolo la partita per il Brasile. «Lula Dance» contro i rider di Jair- Corriere.it

di Sara Gandolfi, nostra inviata a San Paolo Brasile

L’ex presidente sindacalista in vantaggio nei sondaggi. Ma Bolsonaro: «Sarò io a vincere»

La platea del grande Auditório Celso Furtado, a San Paolo, lunedì sera era un tripudio rosso fuoco. Il colore che il Partito brasiliano dei lavoratori non ha alcuna intenzione di abbandonare, soprattutto ora che è ad un passo dalla riconquista della presidenza. Erano vestite in scarlatto le signore, guidate dall’aspirante first lady «Janja» Silva, mentre gli uomini sfoggiavano magliette e berrettini dalle mille sfumature cremisi. A un certo punto, si sono alzati tutti in piedi a ballare la «Lula Dance», con tanto di spericolate mosse di bacino.L’ex presidente-sindacalista, che compirà 77 anni a fine ottobre, è rimasto seduto in galleria, tranquillo e sorridente.

Sara Gandolfi cura la newsletter Mondo Capovolto, è gratuita, per iscriversi cliccare qui.

Lula sente il profumo della rivincita. Il voto di domenica è una sfida a due, che spera di chiudere al primo turno conquistando la metà più uno dei voti validi. L’ultimo sondaggio di Pesquisa Atlas lo dà al 48,3% contro il 41 dell’attuale presidente di destra Jair Bolsonaro. Il giorno prima, Ipec lo dava al 48% contro il 31. Scartando schede bianche e…