-210 milioni di perdite- Corriere.it

di Massimiliano Nerozzi

Dati ancora peggiori rispetto alla stagione passata, quando il club bianconero chiuse sotto di 209,9 milioni di negativo

Quel che resta della Juve — rosicchiata da infortunati e convocati — si ritrova oggi al centro tecnico della Continassa per rimettersi al lavoro, su fisico e anima, dopo una settimana, tra Benfica e Monza, che ha squassato l’uno e l’altra. Se non nei numeri (dei giocatori) sar comunque un giorno importante, per stare insieme e guardarsi negli occhi, ribadendo l’intenzione comune: al di l di tutto, tattica, tecnica, risultati, darsi una svegliata. Vale per tutti, dopo la rinnovata fiducia della societ a Massimiliano Allegri, come da programma pluriennale: il che non significa per essere felici e contenti, anzi. Momento delicato, che venerd avr un’altra giornata non banale, vista la (prevista) convocazione del consiglio di amministrazione che voter il bilancio (in rosso) da sottoporre all’assemblea degli azionisti, a fine ottobre.

Aspettando la squadra virtuale, conter quella reale e, dunque, il rientro di qualche acciaccato, a partire da Alex Sandro, Locatelli e Rabiot, i pi vicini a essere dimessi dall’infermeria. Allegri dovrebbe riaverli per la sfida al Bologna, primo appuntamento dopo la sosta delle…