205 denunciati. «In corsia anche ultra 70enni e personale non abilitato»- Corriere.it

di Redazione Cronache

la prima, e per certi versi clamorosa, risposta al fenomeno denunciato dal Corriere nell’inchiesta dello scorso 1 ottobre. Controlli su 1.934 strutture sanitarie, coinvolti medici, titolari di cooperative e responsabili di strutture sanitarie. Medici generici nelle ginecologie: non sapevano neanche gestire i parti

Controlli su 1.934 strutture sanitarie, con verifiche su 637 cooperative e 11.600 tra medici e infermieri. la prima, e per certi versi clamorosa risposta del Ministero della Salute e dei carabinieri dei Nas al fenomeno dei medici a gettone, denunciato dal Corriere nell’inchiesta dello scorso 1 ottobre. Un’operazione massiccia, iniziata a met di novembre, che ha portato alla luce centinaia di irregolarit, con oltre 205 persone segnalate alle autorit, tra sanitari e, soprattutto, titolari di cooperative e strutture sanitarie pubbliche e private, accusati a vario titolo di frode ed inadempimento nelle pubbliche forniture.

Sono state confermate molte delle criticit che il Corriere aveva portato alla luce: stata accertata la fornitura di medici da parte di cooperative con et anagrafica superiore a quella stabilita contrattualmente — anche sopra i 70 anni —; l’impiego esternalizzato di risorse umane non adatto a esigenze di…