Abbiamo giocato Last day of June in anteprima nel corso dell' E3 2017
Sorpresa inaspettata

Abbiamo giocato Last day of June in anteprima nel corso dell' E3 2017

Massimo Guarini, Boss di Ovosonico, ci ha presentato il loro nuovo titolo lasciandoci sognare il suo arrivo sul mercato

June e Carl sono una coppia di signori sposati, distinti da un forte legame e amore che si rivela dal primo momento emotivamente palpabile. In questo modo si è aperto a noi il fiabesco mondo di Last day of June, presentato direttamente dal Fondatore e capo del progetto Ovosonico, Massimo Guarini.

Abbiamo così preso confidenza con il mondo di gioco creato per questo nuovo titolo, corredato da un impatto grafico che lascia subito il segno, nonostante si tratti di un titolo Indie e non punti a spingere semplicemente dal punto di vista tecnico come altre produzioni del genere.

La build provata - minata da un codice ancora grezzo e incompleto - è risultata molto stabile e funzionale, con i carismatici personaggi dalla testa grande e corpi sottili capaci comunque di dimostrare uno stile decisamente lontano dal fotorealismo, ma dal forte impatto visivo.

Abbiamo giocato Last day of June in anteprima nel corso dell' E3 2017

Una storia da scoprire...

Il prologo ci mette al comando di Carl e ci ritroviamo su un pontile a discorrere insieme a June, entrambe muti per scelta (si, non hanno né occhi, né bocca, ma li capiremo con gesti e suoni davvero molto espressivi).

Siamo seduti uno accanto all'altro, poi ci alziamo ed iniziamo ad esplorare la boscaglia che ci circonda. Ci accorgiamo di alcuni fiori selvatici e ne raccogliamo uno ed è qui che scopriamo varie possibilità di interazione che impatteranmo, poi, nello svolgersi degli eventi. Abbiamo la possibilità di giocare a "mama non mama" o quella di portare il fiore alla nostra amata che lo metterà tra i capelli con un cenno di approvazione; ci avviciniamo alla nostra macchina e raccogliamo uno scialle da mettere sulle spalle di June per farla stare più calda.

Lei accoglie il gesto con un sorriso sonoro e ci mostra un disegno che raffigura noi con un fiore ed uno scialle messo a mo' di mantello in stile super eroe. Se non avessimo portato il fiore o lo scialle alla nostra amata, il disegno sarebbe stato diverso e June, che è una pittrice molto talentuosa, avrebbe probabilmente disegnato altro.

In questo preciso momento capiamo l'importanza delle nostre azioni e il ruolo chiave dei quadri durante lo svolgersi dell'avventura. All'improvviso ci svegliamo sulla poltrona di casa nostra con Carl che dorme profondamente ed è il momento di comandare June. Suonano alla porta: è un vecchietto. Ci consegna un pacco regalo, ma cosa ci sarà dentro?

Scopriamo che il pacco è per Carl da parte nostra e esplorando un po la casa, arrivati nella nostra stanza posta al piano di sopra, il perché di tanta agitazione da parte di June è lampante. Cerca un modo e un luogo per dare importanza a questo regalo e guardandosi allo specchio si tocca la pancia, lasciandoci intendere che è in dolce attesa.

Ora il flashback del lago è chiaro. Guardando un quadro raffigurante un pontile ed un lago, June decide che quello sarà il posto per dare la magnifica sorpresa e notizia a Carl.

Abbiamo giocato Last day of June in anteprima nel corso dell' E3 2017

... e sulla quale commuoversi

Il nostro Carl si sveglia di soprassalto - il controllo è passato a lui - e immediatamente cerca la moglie all'interno della casa. Esploriamo il luogo passando per il laboratorio di June, un laboratorio pieno zeppo di quadri della nostra piccola amica. Carl sistema un apriscatole rimediato sul bancone da lavoro e procede alla ricerca della moglie.

La troveremo al piano di sopra intenta a farsi bella per la nostra gita ed ecco che il gioco si ricollega alla scena iniziale sul pontile; appena tornati nel presente, un temporale si appresta a rovinarci il pic-nic. Carl e June cominciano a correre verso la macchina, ma lei non ha ancora fatto in tempo a dare il suo regalo a Carl con la meravigliosa notizia; appena entrati in macchina Carl mette in moto, il gioco da la possibilità di guidare, il percorso è obbligato. Imbocchiamo una galleria e parte il video.

Tutto è buio, un rumore sordo ci squote le viscere: sembra quello di un incidente. Ci svegliamo con Carl sulla nostra poltrona, tutto è più cupo e triste, una sedia a rotelle è visibile nelle vicinanze. E' chiaro e con enorme tristezza che June non c'è più ed il povero Carl, purtroppo, è rimasto paralizzato.

Ci spostiamo sulla sedia a rotelle e muovendoci nella casa ormai tenebrosa, cerchiamo qualcosa da mangiare. In un mobile in cucina troviamo una scatoletta, ma a mani nude difficilmente potremmo aprirla... idea! L'apriscatole posato nel laboratorio di June è quello che ci serve. Entriamo nel vecchio laboratorio chiuso ormai da tempo e recuperando da uno scatolone l'apriscatole, facciamo cadere il telo impolverato da uno dei quadri.

Il quadro inizierà a brillare come per magia e la demo si chiude proprio in questo specifico frangente.

Last day of June ci è sembrato un titolo estremamente interessante. Minimale nella gestione dei controlli e con un solo tasto per eseguire l'interazione con gli oggetti. Il titolo Ovosonico punta a raccontare una storia e almeno nei primi minuti lo fa benissimo, spingendoci ad andare avati per capire come andrà a finire questa storia.

Proseguendo nel gioco, attraverso gli eventi proposti, questa storia cambierà e si adatterà alle nostre scelte. Le meccaniche sono simili a quelle di altri videogames, ma utilizzate con estrema intelligenza. Queste portano a ricordare altri tipi di gameplay, ma il lavoro svolto dal team di sviluppo è unico e va assolutamente lodato.

La grafica si presenta con colori saturi e accesi, aiutando il giocatore ad immergersi nella trama di gioco narrata come una fiaba. Essendo un titolo Indie non mostra un livello grafico tale da far gridare al miracolo, ma si attesta nella media senza particolari pretese. Last day of June girerà con una risoluzione full hd su PlayStation 4 e PlayStation 4 Pro, a 30 fotogrammi per secondo in maniera solida, mentre su PC andrà a 60 fps. L'appuntamento per giocare a questo titolo terminerà entro l'anno; tenetevi pronti e provate a trattenere le lacrime, se ci riuscite!

Articolo a cura di Gianluca Salatino

Galleria immagini

blog comments powered by Disqus