Cosa pensiamo di Nintendo Switch, la Redazione si interroga sulle possibilità offerte
Cosa pensiamo di Nintendo Switch, la Redazione si interroga sulle possibilità offerte
Opinione

Cosa pensiamo di Nintendo Switch, la Redazione si interroga sulle possibilità offerte

Il chip nVidia Tegra custom ci incuriosisce, ma perchè definirla home videogames system?



Tre minuti solo tre minuti per parlarti di me… cantavano i Negramaro nel loro coinvolgimento sulla presentazione di Nintendo NX, oppure no? La loro presenza al momento ci sfugge, però siamo assolutamente certi di una cosa: sono stati 3 minuti molto intensi quelli del video di presentazione della nuova console per videogiochi targata Nintendo.

Un trailer decisamente avvincente, ben confezionato, con dettagli ancora oscuri sulle funzionalità complete di questa nuova piattaforma che possiamo ormai certificare, essere ibrida e modulare.

Si chiamerà Nintendo Switch, esattamente come recita il logo apparso nei fotogrammi iniziali del video di presentazione, poco dopo la dimostrazione del nuovo The Legend of Zelda: Breath of the Wild; videogioco che, fra le altre cose, nasce sullla base delle possibilità tecniche offerte da Wii U e avrà l’arduo compito di traghettare, almeno spiritualmente, l’utenza verso la nuova console.

Rispetto a quanto vociferato nei mesi scorsi da Eurogamer.net, altre testate internazionali e presunti insider, non è cambiato molto quel Nintendo NX che tanto ci ha fatto sperare e sognare, se non la certezza di averlo finalmente visto in volto e aver capito che a tutti gli effetti, c'è ancora molto fumo nell'aria e poco arrosto. Colpo di fulmine? No, assolutamente, ma il concept questa volta è stato ben spiegato e le aspettative sulla piattaforma sono chiarissime: giocare a casa e fuori senza compromessi.


Cosa pensiamo di Nintendo Switch, la Redazione si interroga sulle possibilità offerte
Nintendo Switch nel formato casalingo e portatile

Videogiochi in quantità

Nintendo Switch è apparsa in video con dei videogiochi di livello e riconoscibilissimi, perlopiù porting, senza bambini e anziani in video e soprattutto senza gimmik particolarmente strambi da utilizzare. Zelda, Skyrim, Splatoon, Mario Kart 8, NBA e il nuovo Super Mario in 3D sono apparsi in una serie di fotogrammi ancora impressi nelle nostre menti. Nulla di sconvolgente, ma ha fatto un certo effetto vedere 2K tornare sui suoi passi, Bethesda lanciarsi su una piattaforma Nintendo e soprattutto, avere la certezza che il nuovo Mario sia li ad aspettarci nei pressi del lancio della nuova console, attualmente confermato per marzo 2017.

“Con questa anteprima di Nintendo Switch spero che i giocatori stiano già immaginando tutte le possibilità offerte dalla libertà di giocare quando, dove e come vogliono,” ha affermato Satoru Shibata, presidente di Nintendo of Europe. “I nostri team di Nintendo, così come molti altri sviluppatori, stanno lavorando con grande impegno per creare esperienze completamente nuove e originali e non vediamo l’ora di mostrarvi di più.”

Shibata ha espresso in pieno il nostro pensiero, mentre i famosi 3 minuti erano agli sgoccioli. Sembrano molte e molto interessanti le possibilità di gioco offerte da Nintendo Switch, talmente interessanti da riuscire a contagiare anche la nutrita lista di sviluppatori che stanno già lavorando sulla piattaforma. Nel comunicato ufficiale arrivato durante la presentazione, sono state elencati i seguenti publisher, gli sviluppatori e i middleware partner a supporto:

  • 505 Games
  • Activision Publishing, Inc.
  • ARC SYSTEM WORKS Co.,Ltd.
  • ATLUS CO.,LTD.
  • Audiokinetic Inc.
  • Autodesk, Inc
  • BANDAI NAMCO Entertainment Inc.
  • Bethesda
  • CAPCOM CO., LTD.
  • Codemasters®
  • CRI Middleware Co., Ltd.
  • DeNA Co., Ltd.
  • Electronic Arts
  • Epic Games Inc.
  • Firelight Technologies
  • FromSoftware, Inc.
  • Frozenbyte
  • GameTrust
  • GRASSHOPPER MANUFACTURE INC.
  • Gungho Online Entertainment,Inc
  • HAMSTER Corporation
  • Havok
  • INTI CREATES CO., LTD.
  • KOEI TECMO GAMES CO., LTD.
  • Konami Digital Entertainment Co., Ltd.
  • LEVEL-5 Inc.
  • Marvelous Inc.
  • Maximum Games, LLC
  • Nippon Ichi Software, Inc.
  • Parity Bit Inc.
  • PlatinumGames Inc.
  • RAD Game Tools, Inc.
  • RecoChoku Co.,Ltd.
  • SEGA Games Co., Ltd.
  • Silicon Studio Corporation
  • Spike Chunsoft Co., Ltd.
  • SQUARE ENIX CO., LTD.
  • Starbreeze Studios
  • Take-Two Interactive Software, Inc.
  • Telltale Games
  • THQ Nordic
  • Tokyo RPG Factory Co., Ltd.
  • TT Games
  • UBISOFT
  • Ubitus Inc.
  • Unity Technologies, Inc.
  • Warner Bros. Interactive Entertainment
  • Web Technology Corp.

Un numero elevato e una qualità che non si vedeva su una console Nintendo dai tempi dello SNES e bisogna pur ammettere che fa un certo effetto vedere così tanti nomi famosi all’opera, dopo il fallimento commerciale di Wii U. Anche nVidia sembra aver preso a cuore questa sfida e dopo la frecciatina lanciata sul proprio blog in cui si è detta apertamente Nintendo fan, mettendo ben in mostra il caro GameCube con Super Smash Bros. Melee, il recente intervento in merito a Switch è ancor più rincuorante.


Cosa pensiamo di Nintendo Switch, la Redazione si interroga sulle possibilità offerte

Curiosità

Project NX è il nome in codice di Nintendo Switch.

La presentazione della console era stabilita per lo scorso settembre 2016, ma i lavori con il nuovo Super Mario hanno creato uno slittamento di questa.

Il chip nVidia Tegra utilizzato, stando alle zanzare Ninja volanti, pare essere chiamato X10. Cosa che lascia intendere un'evoluzione importante rispetto al Tegra X1 nudo e crudo.

Le "cartucce" sono state utilizzate l'ultima volta in una home console con il caro Nintendo 64. Al giorno d'oggi, offrono prestazioni e possibilità decisamente superiori ai comuni dischi ottici.


Tecnologicamente al passo coi tempi. L’accendiamo?

La prima cosa da sapere su Nintendo Switch home gaming system è il divertimento con cui si lascia giocare: parola di nVidia. Il post sul blog ufficiale apre così, prima di annunciare alcuni aspetti chiave della progettazione hardware della console. Si parla di grafica grandiosa, performance incredibili e numerosi videogiochi in arrivo. Certo, dal filmato apparso su Youtube non si vede nulla di sconvolgente in quanto a qualità grafica, ma immaginando il tutto in chiave portatile, beh… qualche domanda ce la siamo fatta anche noi.

Lo sviluppo ha coinvolto circa 500 persone l’anno durante i vari step di creazione. Algoritmi, architettura, system design, system software, API, motori di gioco e periferiche. Tutto doveva essere ridisegnato per Nintendo, in modo da poter offrire a noi accaniti Nerd la miglior esperienza di gioco da portare fuori casa o da fruire direttamente in salotto.

Un nuovo chip Tegra custom, dall’alta efficienza e scalabilità, è il cuore pulsante di Nintendo Switch. Al suo interno risiede una GPU nVidia basata sulla medesima architettura delle schede GeForce per il gaming più performanti ed è quindi plausibile pensare che Pascal, con i suoi 16 nanometri, sia alla base di questa piattaforma.

Nintendo Switch è supportato da software completamente personalizzato, tra cui nVidia ha elencato un motore fisico rinnovato, nuove librerie grafiche e strumenti avanzati per lo sviluppo di videogiochi. Sono state create anche nuove API, definite NVN, per sfruttare al massimo le performance hardware della console, anche in ambito di riproduzione video, effetti audio e rendering. La suite hardware e software, ha detta di nVidia, è stata ottimizzata per videogiocare anche in mobilità. Questo include l’integrazione del sistema operativo con la GPU, in modo da poter incrementare le performance e l’efficienza energetica.

Con questo, le informazioni ufficiali a nostra disposizione sono finite. Sono piuttosto insistenti alcune voci di corridoio inerenti ai sensori di movimento integrati nei Joy-Con, alle possibilità "computazionali" della base in cui inserire Nintendo Switch in casa e alla durata modesta della batteria. Ci riserviamo di trattare queste voci di corridoio in altri ambiti ed eventualmente, nelle singole opinioni dei Redattori di GameGurus.it, che trovate di seguito.

Maurizio 'Mizio' Serra

[...]

I puntini sopra potrebbero esprimere la mia reazione e la mia faccia di fronte al trailer di presentazione di NX, anzi no, Switch, scusatemi (preferivo NX come nome). Reazione positiva? Negativa? Entrambe ma al tempo stesso nessuna delle due. E' difficile dare un colore univoco a quello che ha suscitato in me la visione delle prime immagini e video ufficiali della nuova console HOME di Nintendo (perchè di console home si tratta): mi ci sono voluti diversi giorni e numerose visualizzazioni di quei 3 minuti di video per capire bene, riordinando emozioni e pensieri scaturiti... cosa è rimasto di tutto quel parapiglia di novità spiattellate a video? Super Mario Switch (si chiamerà così?)! Zelda! Splatoon! Mario Kart 8! E non solo, Skyrim (sarà la Special Edition? Verrà confermato?)! NBA 2K! Quindi non solo Nintendo, ma anche terze parti!

Di tutto quello che si è visto, mi sono rimasti nel cuore e nella mente i GIOCHI! Sono i giochi che fanno grande una console, ma sembra che in molti se lo stiano dimenticando: non sono stati forse le decine di capolavori che si sono affacciati su una certa PSX a decretarne il successo? Certo, aveva l'hardware adeguato per farli girare, ma niente di miracoloso, eppure bombe epocali come Final Fantasy 7 l'hanno spedita nell'Olimpo delle migliori console di tutti i tempi, nonostante all'inizio fosse una scommessa.

Adesso invece pare che sia il "ferro" quello che può rendere grande una console, la memoria RAM, la capacità computazionale...perchè se non è ben carrozzata, non ci possono girare giochi adeguati. Tutte balle.

Xenoblade Chronicles X è stato uno dei giochi più massicci a cui abbia mai giocato, anzi, forse il più massiccio, ci ho passato quasi 300 ore sopra, e GIRA SU WII U! Ora, Switch sarà sicuramente più potente della sfortunata ultima home Nintendo, c'è chi dice di poco, chi addirittura 3-4 volte.

Io dico CHISSENEFREGA. Abbiamo una potenza che ci permetterà di avere mondi comunque splendidi, confido che il salto di prestazioni da Wii U sarà comunque sensibile, quindi i maghi di Nintendo e co. avranno ancora più possibilità di generare mondi sempre più grandi, vasti e pieni di magia.

A questo aggiungiamo il fatto che avremo una line-up unificata, quindi la possibilità di vedere serie-capolavoro fin'ora relegate su portatile, come la serie di Monster Hunter, Bravely e Fire Emblem, finalmente potenziate, espanse e graziate dalla potenza che Switch metterà loro a disposizione. Avremo ritmi di uscite sicuramente più sostenuti, molti più titoli in uscita annuali.

E non è finita: se la console, come penso e come ci fanno sperare i feedback positivi avuti su Youtube in termini di like e non solo, venderà bene, sicuramente anche le terze parti come Electronic Arts ed Ubisoft saliranno sul carro dei vincitori, perchè gli affari sono affari... e allora ecco che non si può che rimanere speranzosi e positivi, nei confronti di Switch. Non dico entusiasti perchè purtroppo sappiamo ancora davvero troppo poco sulla console, in termini di line-up quasi zero, ma alla luce di quanto detto poco più sopra, per chi con una console vuole DIVERTIRSI, allora non ci sarà il benchè minimo problema, anzi...secondo me sarà una console che potrebbe saziare chiunque da sola, senza dovere acquistarne altre.

Vai Nintendo, facci vedere che i tuoi giochi sono ancora i migliori!

Daddirumba

Si è visto relativamente poco di questo Nintendo Switch e già molte sono le domande... è una portatile che si attacca alla tv? è una home che puoi portarti in giro? Per me la risposta è semplice, è una console ibrida, una console che rompe a tutti gli effetti le barriere che intercorrono tra console casalinga e console portatile. Sarà una console che permetterà all'utente di godere della sua esperienza in qualunque modo esso voglia, non importa se si è in casa, in treno o sul water, potrai godere di Switch ovunque. I dubbi ci sono, nel trailer vediamo un certo tipo di target inquadrato da Nintendo, un target giovane e appassionato di videogiochi, lo stesso target che compra anche Playstation 4 e Xbox One; sappiamo però che la console a livello hardware sarà inferiore alle console concorrenti quindi non sappiamo quanto la console sarà effettivamente supportata dalle terze parti.

Tuttavia l'idea alla base di Switch, seppur non originalissima per quel poco che si è visto, pare essere molto più semplice e immediata rispetto ad un nVidia Shield e più appetibile di Wii U per il mercato ludico. Tuttavia, sappiamo che non basta solo questo per far vendere la console, è imperativo che Nintendo sfoggi una line-up massiccia dedicata alla sua nuova console e sopratutto che sappia dar vita ad un marketing efficace, capace di far capire al pubblico cosa stia comprando e sopratutto a fargli desiderare di poter stringere fra le proprie mani Nintendo Switch.

Mastro Emil

Nintendo NX non è più un UFO*, un unknown fucking object.
Nintendo NX è in realtà Nintendo Switch.
Una home console.

Una home console? Sicuri? Si lo è. Ce lo dice a chiare lettere Nintendo. Sia nella sostanza, nelle descrizioni ufficiali riportate nei vari canali di comunicazione, sia nella forma dello "spot" di 3 minuti abbondanti che hanno svelato al mondo il più grande mistero videoludico degli ultimi anni. Spot che mostra gamers di età compresa tra 25 e 35 anni (identikit del giocatore tipico da home console) dilettarsi con titoli quasi tutti tipicamente da home console, utilizzando un layout di controlli quasi sempre da home console (solo in poche parti del trailer Switch viene utilizzato come una PS Vita).

Poco conta se la circuiteria è tutta nel tablet (pare che nella dock station non vi saranno GPU aggiuntive), e che il cuore del sistema sia nVidia Tegra, SoC nato per dar vita a device portatili con il focus su consumi ed ingombri ridotti. Conta l’esperienza che è in grado di darci. E l’esperienza mostrata al mondo il 20 Ottobre, è quella di una home console, che ha come plusvalore quello di permettere la fruizione proprio di quella esperienza anche in giardino, al parco, in aereo.

Se Nintendo tradurrà in pratica quanto finora trasmesso con questo trailer (leggi: "ci darà una line up fatta di giochi come Zelda BotW, Metroid, Xenoblade, Mario 3D, più che Pokemon, Animal Crossing, Prof. Layton etc.) non possiamo darlo per certo, ma se così non fosse provocherebbero una dicotomia tra comunicazione e prodotto, che per il marketing porterebbe ad un disastro forse addirittura peggiore del "poco compreso" Wii U. Assodato quindi che Nintendo voglia, con Switch, dare al mondo una nuova home console, la perplessità principale riguarda quanto questo tipo di offerta possa durare. La sensazione che si insinua è che una volta pensionato il 3DS si possa cominciare a vedere una softeca più portatile, accompagnata magari da una campagna marketing che dia alla console una nuova veste "ambivalente", soprattutto se i primi mesi le vendite al target da home non saranno soddisfacenti.

Ma per ora direi di tenerla sopita, ed approcciarci alla nuova fabbrica di sogni made in Kyoto per quella che, nelle intenzioni è: la nuova home console Nintendo.

*in merito al termine UFO, abbiamo mantenuto un articolo scritto e accantonato a causa dei ritardi interni, che potete leggere QUI - ndR

Federico D'Aco

E' stato un duro colpo, lo ammetto. No, non il form factor della console, non è stato quello che mi ha buttato giù, ma la mancanza di quelle informazioni ben mirate che cercavo.

Domande. Dopo appena 3 minuti tantissime domande a cui probabilmente sarà possibile rispondere solo dopo le feste Natalizie.

Il filmato è stato eccitante, le possibilità offerte interessanti, se pur non propriamente innovative. Di Nintendo Switch abbiamo appreso che sarà possibile giocarla con un numero imprecisato di configurazioni dei controller; ne ho contate almeno 4, che potrebbero facilmente diventare 5 se si pensa a Just Dance 2017 e agli ipotetici sensori di movimento discussi, ma non confermati, all'interno dei Joy-Con (i piccoli controller sganciabili). Console ibrida? Io aggiungere anche il termine "modulare" viste le trasformazioni possibili di questo particolare dispositivo elettronico.

Nintendo ci ha mostrato il target di riferimento per Switch, idealmente pensato per quei videogiocatori che definirei maturi, ma non troppo. Ha lasciato intendere attraverso alcuni videogiochi (non direttamente eseguiti dalla console) di aver estrapolato dalla snobbata Wii U alcuni software di riferimento (quelli evidentemente più venduti come Mario Kart 8 e Splatoon) per riproporli con nuove features al grande pubblico che non ha potuto giocarli. Ci ha mostrato che le terze parti sono ancora importanti per le sue console e lo ha fatto candidamente capire con alcuni frames di NBA e Skyrim, due giochi che gioverebbero enormente alla line-up della futura console. Ha anche ribadito il suo amore per i fans mostrando dei fotogrammi del nuovo Super Mario in fase di sviluppo, dotato di un fascino che quasi ricorda Super Mario 64.

Ha fatto tutto questo e anche di più con Nintendo Switch, lasciando ad nVidia il compito di ufficializzare la partnership con un messaggio positivo, ma abbastanza enigmatico, a cui è estremamente difficile poter dare una risposta in questo momento. Sappiamo però, che il lavoro di ottimizzazione svolto sulla nuova piattaforma è stato notevole, proprio come descritto in testa all'articolo. Sappiamo che Unreal Engine 4 e Unity saranno due delle suite di sviluppo immediatamente compatibili con Switch e di conseguenza, anche le terze parti potranno giovare da questa importantissima compatibilità.

Insomma, in questo calderone di possibilità, l'effetto iniziale c'è stato e anche la convinzione di poter avere fra le mani un gioiello di console. Ma a mente fredda, l'unica possibilità di riscatto per Nintendo risiede solamente nelle sue forze per portare sul mercato una line-up realmente completa e di pubblico interesse, a cui dovrà far forzatamente seguito un marketing di eccellenza. Se Wii era per tutti e Wii U per nessuno, Nintendo Switch dovrà diventare la piattaforma per i videogiocatori e non l'ennessima seconda scelta.

Non ci sono più scuse, il tempo è scaduto. E' ora di tornare ai fasti di un tempo e dimostrare cosa può fare chi sviluppa videogiochi da oltre 30 anni.

 


Approfondimenti

  • Alla scoperta di PlayStation 4 Pro, la nuova creatura Sony
    Scopriamo di che pasta è fatta la nuova proposta Sony per i videogiocatori che non si accontentano
    Project NX - UNKNOWN FUCKING OBJECT
    Informazioni note, rumors, ipotesi, speranze sul nuovo progetto TOP SECRET Nintendo
    The legend of Zelda: Breath of the Wild - Cosa ci aspetta?
    Il mondo di Zelda si sta per accostare a quell'idea da sempre ambita, ma mai raggiunta per questioni tecniche. Nintendo si prepara a rivoluzionare il genere degli open world. Ce la farà?
    Xbox One chiede il cambio e Microsoft schiera Scorpio
    Le due piattaforme coesisterano per dar vita ad una linea continuativa nella produzione di videogames

  • blog comments powered by Disqus