Nintendo Switch, la console e le sue caratteristiche
Dettagli e informazioni

Nintendo Switch, la console e le sue caratteristiche

L’evento ufficiale dedicato alla console ha offerto un punto di vista globale sulle funzionalità e possibilità offerte. Ecco tutto quello che abbiamo scoperto.

La sveglia ha suonato presto questa mattina. Credo sia andata così per tutti gli incalliti videogiocatori europei, a dir la verità. Alle ore 05.00 il Sole non era ancora visibile dalla mia abitazione, ma devo ammettere che è stata una dolce follia quella di assistere alla diretta giapponese dedicata alla presentazione ufficiale di Nintendo Switch, un evento utile soprattutto per aiutarci a capire in che modo si è mossa Nintendo in questi anni di buio su Wii U e quanto l’operazione Switch, a conti fatti, costerà al videogiocatore che proprio non può fare a meno di prenderla al “day one”.

A differenza di quanto accaduto con Wii U ai tempi della sua prima apparizione, l’informativa sulla nuova piattaforma è stata chiara e immediata: per portarsi Nintendo Switch a casa si dovrà attendere il 3 marzo 2017 e spendere un minimo di 299,00 Dollari, senza contare un eventuale videogioco o accessorio; una spesa che per noi Europei si traduce in circa 320,00 - 330,00 Euro… contenti? Scontenti? Beh, non si arriverà mai ad una conclusione, quindi potrete tranquillamente discuterne nei commenti a fine articolo senza insultarvi, grazie!

La confezione di Nintendo Switch, semplice e di effetto, includerà la console, i controller Joy-Con destro e sinistro, una impugnatura Joy-Con (a cui si collegano i due Joy-Con per formare un controller, conosciuta come Grip), un set di laccetti per Joy-Con, la base per Nintendo Switch (che ospita la console e si collega al televisore), un cavo HDMI e un blocco alimentatore. Saranno disponibili due versioni della console: una con i Joy-Con grigi e una con un Joy-Con blu neon e uno rosso neon. Fine della confezione.

Sul palco della presentazione è apparso anche Tatsumi Kimishima, Presidente di Nintendo, che ha speso alcune parole sull’idea che ha mosso la società di Kyoto verso la direzione intrapresa con la nuova console. “Nintendo Switch è un’innovativa console casalinga che offre diversi stili di gioco. Presenteremo al mondo le inedite esperienze di intrattenimento rese possibili dalle caratteristiche uniche dell’hardware di Nintendo Switch e dei Joy-Con.”

Nintendo Switch è quindi stata presentata ancora una volta come una console casalinga che oltre a connettersi allo schermo TV di casa, può tranquillamente essere portata all’esterno e mostrare l'azione di gioco sullo schermo da 6,2 pollici capacitivo e multi-touch di cui è dotata. La risoluzione grafica raggiungibile attraverso lo schermo della console è pari a 720P, la quale può spingersi fino ai 1080P se connessa alla Dock tramite la TV. L’hardware si basa sul SoC nVidia Tegra, proprio come era già stato anticipato e la memoria interna alla console è pari a 32 GB, espandibile tramite schede Micro SDXC. La batteria interna alla console è in grado di arrivare ad una autonomia massima di 6 ore, ma molto dipenderà dalle applicazioni e giochi utilizzati; per esempio, utilizzando The Legend of Zelda: Breath of the Wild la batteria farà funzionare la console per circa 3 ore di gioco. Se si vuole estenderne l’autonomia fuori dalla Dock, sarà comunque possibile utilizzare il blocco alimentatore al connettore USB Type-C, riportato anche nel nostro articolo dedicato agli accessori di Nintendo Switch.

Nintendo Switch, la console e le sue caratteristiche

Joy-Con, l’anello mancante

Come abbiamo potuto vedere lo scorso ottobre tramite il trailer ufficiale e successivamente dal patent reperito in rete, i Joy-Con sono due mini controller incredibilmente versatili, agganciati lateralmente alla console quando utilizzata in modalità portatile. Questi offrono tanti nuovi e sorprendenti modi di giocare e divertirsi. È possibile usare i due Joy-Con indipendentemente, impugnandone uno per mano, o utilizzarli insieme come se fossero un controller unico, con l’apposita impugnatura aggiuntiva. Dandone uno a un amico diventa possibile giocare in due nei videogames supportati. Ogni Joy-Con ha un set completo di pulsanti e una leva analogica, quindi può essere considerato come un controller indipendente. Inoltre, ogni Joy-Con include un accelerometro e un sensore di movimento, che permettono ai controller di eseguire movimenti indipendenti tra loro.

A queste, si aggiungono alcune funzionalità che permettono alla console di essere maggiormente interattiva con l’utilizzatore stesso. Il Joy-Con sinistro dispone di un pulsante di cattura (share) che i giocatori possono premere per catturare immagini (e forse video) dei giochi da condividere con gli amici sui social network. Il Joy-Con destro include un sensore NFC che permette di interagire con gli amiibo, oltre a una telecamera IR di movimento in grado di rilevare la distanza, la forma e i movimenti degli oggetti vicini in giochi appositamente creati. Ciò consente al controller per esempio, di misurare quanto è distante la mano di un giocatore e persino di distinguere i segni tipici del gioco “sasso, carta e forbice”. Entrambi i Joy-Con includono una funzione rumble HD avanzata, che può eseguire vibrazioni molto più realistiche che in passato nei giochi compatibili. L’effetto è così dettagliato che un giocatore potrebbe, per esempio, sentire la vibrazione dei singoli cubetti di ghiaccio che si scontrano in un bicchiere quando si agita un Joy-Con. Il rumble HD garantisce un realismo altrimenti irraggiungibile solo con il suono e la grafica.

Nintendo Switch, la console e le sue caratteristiche

Espandibilità e connettività

La modalità wireless di Nintendo Switch permette a ben 8 console di poter interagire fra loro. Questa possibilità apre ovviamente diversi scenari piuttosto interessanti, soprattutto perché la console può sfruttare una modalità portatile, condividere i Joy-Con e quindi essere utilizzata anche senza TV. Ma dal punto di vista della connettività e la funzionalità online, le sorprese non finiscono certo qui. Nintendo ha svelato anche un nuovo servizio di abbonamento online che sarà gratuito durante la fase di lancio. Il servizio include un’applicazione per dispositivi smart, disponibile a partire dall’estate 2017, che permetterà ai giocatori di invitare gli amici a giocare online, fissare appuntamenti di gioco e chattare mentre giocano con i titoli compatibili.

Il servizio a pagamento partirà durante l’autunno e sembra prevedere la possibilità di scaricare gratuitamente un gioco al mese; dettagli in merito non sono ancora stati divulgati, ma è possibile che se ne riparli a ridosso del lancio della console sul mercato. A dirla tutta, alcuni dettagli e possibili contenuti sono emersi, ma non ce la sentiamo di parlarne senza un comunicato ufficiale.

Nintendo Switch si propone quindi come una piattaforma che combina le innovazioni e le capacità uniche delle precedenti console di Nintendo, soprattutto con delle features legate a Wii e Wii U, ma riviste e ottimizzate per l’occasione. Nintendo Switch sarà disponibile nei seguenti paesi e territori europei dal 3 marzo 2017: Austria, Andorra, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Gibilterra, Guernsey, Ungheria, Isola di Man, Italia, Jersey, Liechtenstein, Lussemburgo, Malta, Principato di Monaco, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Irlanda, Russia, San Marino, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito e Città del Vaticano. A partire dalla stessa data, la console sarà disponibile anche in Sudafrica.

Vi lasciamo in compagnia di alcune immagini che ritraggono la console e le sue funzioni.

Galleria immagini

blog comments powered by Disqus
Federico D'Aco