E3 2017: è l'ora di Bethesda e dei suoi videogiochi
Ritmo e contenuti

E3 2017: è l'ora di Bethesda e dei suoi videogiochi

Bethesda si presenta a Los Angeles con una conferenza dal ritmo serrato, catturando l'attenzione di tutti

E’ arrivato il momento di vedere cosa ha da offrire Bethesda e soprattutto in che modo avrà imbastito il proprio spazio in questo E3 2017 l'ormai noto publisher. Un rapido showreel ed ecco subito Pete Hines, Vice Presidente e PR Manager di Bethesda, che prende possesso del palco e fa un piccolo riassunto sulle produzioni della compagnia. Da qui in poi, solo videogiochi.


Il tempo e prezioso

Si inizia subito con la VR e con due giochi ad essa dedicati, ovvero Doom VFR e Fallout4 VR; il primo pare essere un’esperienza ambientata nel mondo di Doom e poco più, il secondo pare più convincente e completo. Motion sickness is ready? Forse, ma nell’insieme sembrano due titoli creati con cognizione di causa.

Immediatamente dopo ecco che viene mostrata la versione console di The Elder Scrolls online: Morrowind, un titolo che va ad aggiungersi a The Elder Scrolls online, un titolo che da solo appassiona più di 10 milioni di giocatori in tutto il mondo.

Viene poi mostrato Creation Club per Skyrim e Fallout 4 che altro non è che un servizio offerto ai giocatori per aggiungere Mod “ufficializzate” e quindi testate da Bethesda stessa per mantenerne viva l’attenzione da parte dei giocatori; il servizio sarà attivo già da quest'estate. E’ la volta di Elder Scrolls Legends, titolo di carte strategico già disponibile per Android e IOS che tra un mese riceverà un contenuto aggiuntivo dal titolo Heroes of Skyrim.

Neanche il tempo di prendere fiato ed ecco che parte la clip riguardante la versione per Nintendo Switch di Skyrim, utile a mostrare la possibilità di utilizzare i Joy-con con i loro sensori di movimento ed il supporto agli Amiibo che andranno a sbloccare armi e tuniche a tema Zelda. Purtroppo il trailer è piuttosto breve e non viene aggiunta nessuna ulteriore informazione a riguardo.

Si prosegue con Arkane Studios e il trailer a sorpresa di Dishonored Death or the Outsider che con molta probabilità sarà un episodio stand alone naturalmente ambientato all’interno della saga, previsto per il 15 settembre di quest'anno. Un istante ed ecco partire un nuovo trailer: Quake Champions che si propone come eSport con tanto di premio di un milione di dollari a chi dovesse vincere il torneo, il titolo è disponibile già da ora in beta su https://quake.bethesda.net/it .

Vorrei prendere un attimo di respiro e bere un bicchiere d’acqua fresca ma nulla... i ritmi di Bethesda sono davvero serratissimi, specie se si tiene conto che sono le 6:20 del mattino. Parte un nuovo trailer ma non è difficile intuire di cosa si tratta: The Evil Within 2. Dal punto di vista visivo si denotano parecchi passi in avanti rispetto al primo capitolo e, a quanto pare, sarà ambientato tre anni dopo gli eventi narrati precedentemente.

Va detto che il trailer era accompagnato da una versione riarrangiata davvero ben fatta ed intrigante del pezzo anni 2000 dei Duran Duran intitolato “Ordinary World”. Molto, molto interessante e previsto per venerdì 13 ottobre 2017.

Di colpo mi trovo a guardare una ragazza dall’abbigliamento che ricorda molto lo stile anni ‘50, intenta a far ragionare una specie di cane robotico che devasta letteralmente un’auto, dandole in seguito fuoco come se fosse un drago. E’ la volta di Wolfenstein 2 The : The New Colossus che da sfoggio di un carattere davvero molto forte in un lunghissimo trailer ricco di dettagli, condito da una visione distopica di una società americana sottomessa al regime nazista.

Grande varietà di situazioni e soluzioni è quel che si è potuto vedere, oltre all'engine id Tech6 in una splendida forma, affermandosi in ambito Bethesda come il reveal più interessante di tutti. Non resta che attendere il 27 ottobre di quest'anno per poter far proprio questo titolo davvero degno di nota.

Torna sul palco Pete Hines e viene da provare quasi sollievo dato il ritmo tenuto dalla compagnia.


Ma quanto tempo è passato?

Sono passati quaranta minuti in cui sono stato letteralmente costretto a non muovermi dallo schermo... quaranta minuti di entusiasmo in crescendo. Questa è stata davvero una conferenza priva di inutili orpelli vocali che ha solo messo voglia di giocare. Da qui a pochissimi​ mesi Bethesda rilascerà giochi dal grande peso e lo farà con un ritmo che il nostro portafoglio odierà, ma che darà a noi giocatori donerà una grande soddisfazione. Finalmente una vera conferenza, senza ombra di dubbio la migliore vista fin'ora.


blog comments powered by Disqus
Lian Underwood